Parchi Faunistici Lombardia

Parchi faunistici Lombardia: ecco dove trovarli e come arrivarci

Siete alla ricerca di parchi faunistici in Lombardia  per una giornata con i vostri bambini?

Allora siete nel posto giusto.

Ecco un elenco di tutti i parchi faunistici in Lombardia

PARCO DEGLI AIRONI

Il Parco degli Aironi, raro esempio in Regione Lombardia di recupero di cava, con delibera n° 240 della Provincia di Varese, insieme a tutta l’area prospiciente il Fontanile di San Giacomo, ha ottenuto il riconoscimento dei requisiti ambientali per essere insignito della veste di Parco Locale di InteresseSovraccomunale (PLIS) ed entrare a far parte della Rete Ecologica Regionale (RER).

E’ anche grazie a ingenti opere compensative delle attività di cava e alle “Obbligazioni Convenzionali” che l’Amsa di Milano aveva nei confronti di questo comune che Gerenzano, provincia del varesotto, oggi può essere di diritto definito come il “Paese dei Parchi”; ed è proprio grazie a questo imponente sforzo economico che oggi sorge il Parco degli Aironi, raro esempio in Regione Lombardia di recupero di cava. Inoltre, con Delibera n° 240 del 6 luglio del 2005 della Provincia di Varese, tale Parco, insieme a tutta l’area prospiciente il vicino Fontanile di San Giacomo, ha ottenuto il riconoscimento dei requisiti ambientali richiesti per essere insignita della veste di Parco Locale di Interesse Sovraccomunale (PLIS) ed entrare a far parte della Rete Ecologica Regionale (RER).

Il Parco degli Aironi si presenta quindi oggi come 45 ettari di verde con circa 14.500 essenze arboree piantate e una notevole varietà di ambienti che vanno da un ampio e complesso bacino lacustre formatosi a seguito della risalita del livello della falda e che ospita numerose specie dell’avifauna tipica degli ambienti umidi lombardi, insieme a quelle migratorie che ivi trovano ristoro, a boschi fitti o ad aree recintate destinate al pascolo di animali unici e difficilmente osservabili in natura come il Cervo, il Daino e il Muflone. Un’occasione irripetibile per conoscere da vicino questi animali, imparare a distinguere le specie vegetali tipiche delle nostre zone da quelle invasive che giungono da lontano per opera dell’uomo.

COME ARRIVARCI

Il Parco degli Aironi si trova a Gerenzano (VA) in via Inglesina.

Dall’autostrada A9 uscire a Saronno e seguire le indicazioni per Varese. Seguire la SP233 (Via Clerici) attraversando l’abitato di Gerenzano e proseguendo dritti alla Rotatoria (su ci si affaccia, sulla destra il centro polifunzionale Villaggio Amico) con semaforo. Dopo la rotatoria svoltare a sinistra nella terza strada, Via Risorgimento (collocata tra la concessionaria “Lancia” e il punto vendita “Picard”).

Proseguire su Via Risorgimento per circa 2 Km e svoltare a sinistra in via Inglesina. Dopo circa 300 mt troverete l’ingresso del Parco degli Aironi sulla vostra destra.

PARCO ITTICO PARADISO

Il  Parco Ittico Paradiso è tra i parchi faunistici in Lombardia con un’oasi naturale di 13 ettari, immersa in un bosco di circa 6000 piante. 

I  canali d’acqua sorgiva ospitano  circa 20 specie di pesci d’acqua dolce, dal piccolo pesce rosso alle bellissime carpe koi, ai grandi siluri e storioni.  La particolarità del Parco sono gli osservatori subacquei che permettono di osservare i pesci nel loro ambiente naturale senza disturbarli.

Parco giochi gratuito, ampia zona pic-nic con annesso bar-tavola calda, minifattoria, recinto dei daini in semilibertà, vasca sopraelevata per toccare i pesci e voliera delle cicogne completano la struttura.

Da Milano (circa 25 Km), è consigliabile imboccare la Statale Paullese per poi girare al bivio di Zelo Buon Persico o percorrere la via Emilia fino a Melegnano, quindi seguire le indicazioni per Mulazzano e Villa Pompeiana.

Da Lodi (circa 10 Km), seguire la strada provinciale 16d in direzione nord verso Zelo Buon Persico.

Dall’autostrada A1 uscire a Lodi e proseguire in direzione di Zelo Buon Persico.

PARCO FAUNISTICO LE CORNELLE

Un rapporto quasi sacro, che dura da millenni. Un rapporto fatto di delicati equilibri, bisognoso di un rispetto necessario per il mantenimento e l’incolumità di qualsiasi specie, umana ed animale. In questa ottica il parco faunistico “Le Cornelle” esce dal solito concetto di semplice “zoo”, per contribuire concretamente alla protezione e alla salvaguardia delle specie animali.

Specie minacciate dal rischio di estinzione e specie meno rare, ma altrettanto importanti. La presenza di oltre cento specie di animali ospitati al parco non vuole essere una semplice ed esclusiva attrattiva, ma un preciso stimolo alla conoscenza dei problemi che riguardano il mondo animale e quindi, più in generale, la natura.

IN MACCHINA

Autostrada A4 Milano – Venezia uscita al casello Dalmine. Proseguire sempre dritti in direzione Val Brembana. Dopo la località di Curno seguire le indicazioni per il Parco Faunistico Le Cornelle.
Il Parco dista dal casello di Dalmine 8 km circa.

TRENO E AUTOBUS

Prendere il treno per Bergamo.
Alla stazione prendere l’AUTOBUS n° 8 fino a Loreto e l’AUTOBUS n° 10 fino a Valbrembo.
Nei giorni festivi da marzo a ottobre il n°10 arriva nel parcheggio del Parco.

LIPU – Parchi Faunistici Lombardia

Le Oasi e Riserve Lipu in Italia ospitano e proteggono oltre 5.000 differenti specie animali e vegetali, con più di 300 specie di uccelli osservabili nelle varie stagioni dell’anno. Tra queste, molte sono di notevole importanza dal punto della conservazione, perché minacciate di estinzione o presenti solo in pochissime aree. Le Oasi sono anche un luogo di riproduzione per alcune specie “simbolo”come la Cicogna bianca, il Capovaccaio, il Falco della regina e varie specie di anatre.

Un vero patrimonio di uccelli e fiori, rettili e pesci, alberi e mammiferi, insetti, anfibi e funghi, inseriti in un’ampia varietà di paesaggi ed ecosistemi; un piccolo, ma concreto ed efficace contributo alla tutela della biodiversità del nostro Paese. Ecco cosa sono le Oasi e le Riserve Lipu.

OSSERVATORIO ECO-FAUNISTICO ALPINO

L’Osservatorio Eco-faunistico Alpino di Aprica, ideato e diretto dal biologo naturalista Bernardo Pedroni, è una vasta area di oltre 25 ettari all’interno della quale si snoda un itinerario didattico e naturalistico attrezzato. Si ha l’opportunità di conoscere la natura e osservare da vicino alcune specie animali e vegetali presenti nel Parco delle Orobie Valtellinesi.

L’Osservatorio eco-faunistico alpino è una struttura unica nel suo genere che permette al visitatore di vivere l’emozione di osservare animali in libertà, avvicinandosi senza reti di protezione e in completa sicurezza. Camosci, stambecchi, caprioli, rapaci, cince, scoiattoli e piccoli anfibipopolano l’area naturalistica che è meta di visitatori da tutta Europa. L’area dedicata all’orso bruno delle Alpi ospita due esemplari di questo plantigrado osservabile da alcuni punti strategici. E’ prevista a breve l’inaugurazione di nuove strutture didattico naturalistiche sia in quota che in paese. 

Il Passo Aprica, a 1.181 metri di quota, si trova in Lombardia all’estremità est delle Alpi Orobie Valtellinesi e collega la valle dell’Adda alla Valcamonica. In posizione strategica per raggiungere facilmente altre località delle valli limitrofe, è vicinissimo al confine svizzero, alla valle di Poschiavo e al Passo Bernina.

OASI DI VANZAGO

Il Bosco WWF di Vanzago è una Riserva naturale della Regione Lombardia e un sito Natura 2000. Un’area naturale di foresta planiziale, con anche la presenza di zone umide, a soli 23 km (in linea d’aria) dal Duomo di Milano. E’ presente anche un Centro Recupero Animali Selvatici. L’oasi ha un’estensione di circa 200 ettari di cui 140 di proprietà WWF.

La riserva naturale regionale del Bosco Wwf di Vanzago è stata lasciata in legato testamentario al WWF dal Commendator Ulisse Cantoni nel 1977. La personale ed estesa riserva di caccia, come ben stabilito dal suo proprietario, è stata data in eredità affinché la stessa venisse trasformata non più in luogo di morte, ma in un’area protetta, possibile meta di visite e luogo di studio e ricerche.

In auto:

Dalla tangenziale ovest: imboccare l’uscita n° 2 direzione Novara/Magenta. Terminato il raccordo della tangenziale per Novara/Magenta, alla prima rotonda, seguire i cartelli stradali “Bosco Wwf di Vanzago”.

Dall’autostrada Milano – laghi: imboccare l’uscita di Lainate. Subito dopo il casello, alla prima rotonda, seguire i cartelli stradali “Bosco Wwf di Vanzago”.

Dall’autostrada Milano – Torino: provenendo da Torino, imboccare l’uscita di Arluno. Subito dopo il casello, alla prima rotonda, seguire i cartelli stradali “Bosco Wwf di Vanzago”. Mentre, provenendo da Milano, uscire a Pero e seguire indicazioni Legnano. Superati i 4 semafori, lungo la strada statale del Sempione, seguire i cartelli stradali “Bosco Wwf di Vanzago” (alcuni navigatori satellitari indicano ancora l’uscita autostradale di Rho, ma è chiusa da diversi anni). 

Dalla strada statale del Sempione n°33: dopo i segnali per Rho, lungo la strada del Sempione, si incontra una mega rotonda, vicina al grande negozio “Viridea”. Da questa rotonda seguire i cartelli stradali “Bosco Wwf di Vanzago”.

OASI DI SANT’ALESSIO

L’Oasi di Sant’Alessio a Sant’Alessio con Vialone (Pavia) è tra i parchi faunistici in Lombardia con giardino che consente a chi ama la natura di entrare in contatto ravvicinato con alcuni dei suoi fenomeni più segreti, senza infastidire popolazioni di animali selvatici. Per gli ambienti naturali, popolati da animali selvatici, spontanei o immessi (cicognacavaliere d’Italiamignattaiopicchiogru europea e così via), è stato invertito il concetto di Parco faunistico: si sta creando un reticolo di strutture in cui è il visitatoreingabbiato e nascosto, ad avvicinarsi e a poter spiare la natura selvaggia.

Sant’Alessio con Vialone – Via Cadorna 2 – 27016 PV

Andar per castagne in Lombardia: scopri dove.

Etown Company Srl
Cap. Soc. € 15.000,00
p.i./c.f. 10428070964

Contatti

Corso Buenos Aires 22, 20124 Milano

I nostri canali

© 2019 eventimilano.it. All Rights Reserved.