fbpx
South working: “Cara Milano lavoro per te, da Amalfi. E la sera un bagno a mare”.
south working

La nuova idea di smart working nazionale: essere dipendenti di una multinazionale milanese ma lavorare tranquillamente dal sud, in south working. Da Milano a Napoli, Palermo, Bari e Reggio Calabria, sola andata, come effetto secondario del Covid-19. La sede di lavoro resta al nord ma col lavoro agile si può più o meno tranquillamente tornare nei propri paesi d’origine, spesso localizzati al sud, dove tanto per iniziare il costo della vita è decisamente minore rispetto alle grandi città del nord.

Ecco il motivo dell’appello del Sindaco di Milano Beppe Sala che si è già preoccupato, in un articolo, sui social giorni fa ha chiesto a tutti di tornare al lavoro, di uscire dalla grotta. Non è stato proprio un bel messaggio, ma mette in evidenza i timori del primo cittadino: “Basta smartworking, i dati Covid sono incoraggianti. La situazione economica richiede che le persone tornino al proprio posto di lavoro

Eppure c’è chi in grotta e dintorni resterà per tutta l’estate. Anche se nel frattempo da Milano a Roma, nelle grandi aziende si chiede ai dipendenti di rientrare in sede. Perché in molti casi è ancora da dimostrare che l’equazione nord uguale lavoro e sud uguale vacanza non è sempre valida.

Betty Codeluppi con il compagno Lorenzo Guerra ha lasciato Milano il 10 giugno e approfittando dello smart working resterà in Costiera Amalfitana e Campania fino a fine agosto. “Capisco che il sindaco sia preoccupato – dice lei all’HuffPost – : vorrebbe che tutti producessero e consumassero a Milano. Ora non è più così, questa esperienza ce l’ha insegnato. Puoi produrre per un’azienda milanese e poi consumare dove ti pare. Anche noi nel nostro piccolo lo stiamo facendo: lavoriamo e spendiamo qui, e non a Milano”.

Ho tanti contatti qui, sto cercando produttori. Lavoro dal mattino fino a metà pomeriggio e poi vado in spiaggia. Ho sostituito l’aperitivo serale in Paolo Sarpi (il quartiere cinese di Milano, ndr) con un bagno al mare. Non ho problemi con il wi-fii e lavoro più di prima, ma con un’altro spirito. Qui la vita costa molto di meno, la metà o forse anche meno rispetto a Milano”. “Ci spostiamo comodamente sui mezzi pubblici – aggiunge lei -, puntualissimi, sui bus che io continuo a chiamare tram da buona milanese.

Trovo che siano tutti molto rispettosi delle regole, tutti con le mascherine e ben distanziati. La presenza del presidente della Regione Vincenzo De Luca si sente, lo considerano come un santo qui, e standoci ti rendi anche conto anche del perché”. E non si sentono neppure isolati dal resto del mondo, anzi. “Senza problemi mi sono fatta spedire qui una selezione di abiti che ho già venduto” dice Betty. “E poi per qualsiasi cosa – aggiunge Lorenzo – con l’alta velocità in 5 ore siamo di nuovo a Milano”.

Questa e tante altre storie riportare nell’intervista dell’Huffington Post.

Cosa ne pensate del south working?

Condividi:

Evento in evidenza

South working: “Cara Milano lavoro per te, da Amalfi. E la sera un bagno a mare”.
In evidenza Nightlife
Just Me Torre Branca

Milano dall’alto: salita in Torre Branca offerta da EM, aperitivo e dj al JustMe

Giovedì 1 agosto: sali sulla Torre Branca e immergiti nell’incantevole panorama di Milano e del Just! Un’esperienza unica ti attende